.
Annunci online

Freccia
il destino è una bugia... voi che siete capaci fate bene ad aver le tasche piene e non solo i coglioni

23 maggio 2008
Un giorno questo dolore ti sarà utile...?..
Di piovere ha smesso,per ora.La pioggia mi ha rigato il volto anche dietro a una finestra.Questa volta non si è portata via niente,è tutto troppo sporco.Questa volta s'è aggrappata,attaccata agli occhi e alle guance.I vestiti sanno di pioggia,io so di pioggia,i pensieri e anche le lacrime sanno di pioggia.Ho deciso di non ascoltare,che così fa meno male.Vedo persone che piano piano se ne vanno,da sole sul ciglio di una strada...Ne vedo altre che mi ringraziano,che mi dicono parole dolci che per un pò non ti fanno sentire tanto incapace.Cerco di lasciar passare il tempo,ma più passa e più mi schiaccia.Il silenzio a volte non paga,ma in ogni caso te la fa sempre pagare.Ti fa pagare l'incertezza del non sapere quando è il momento di chiedere,aspettare,dire le cose giuste.Se le cose che uno crede giuste valgono e durano davvero.Quando vorresti dire solo una cosa,giusta o sbagliata che sia.Consapevole di ingannarti ancora.A ogni azione corrisponde una reazione,è la regola.E forse la mia reazione è stata sbagliata,perchè non ho aspettato una tua decisione,non ho tentato di capirti.Volevo essere capita io.Perchè dopo tutto il tempo che ci ho messo a rattoppare ferite,senza mai riuscirci completamente,ridistruggermi non è stata una gran cosa.Ogni sera,prima di dormire,mentiamo a noi stessi.E io ora voglio solo dormire.



permalink | inviato da Freccia il 23/5/2008 alle 14:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
8 maggio 2008
Mi faccio tanto di quel male
 "Poi non è che la vita vada come tu te la immagini. Fa la sua strada. E tu la tua. E non sono la stessa strada. Così...Io non è che volevo essere felice, questo no. Volevo...salvarmi, ecco: salvarmi. Ma ho capito tardi da che parte bisognava andare: dalla parte dei desideri. Uno si aspetta che siano altre cose a salvare la gente: il dovere, l'onestà, essere buoni, essere giusti. No. Sono i desideri che salvano. Sono l'unica cosa vera. Tu stai con loro, e ti salverai. Però troppo tardi l'ho capito. Se le dai tempo, alla vita, lei si rigira in un modo strano, inesorabile: e tu ti accorgi che a quel punto non puoi desiderare qualcosa senza farti del male. E' lì che salta tutto, non c'è verso di scappare, più ti agiti più si ingarbuglia la rete, più ti ribelli più ti ferisci. Non se ne esce. Quando era troppo tardi, io ho iniziato a desiderare. Con tutta la forza che avevo. Mi sono fatta tanto di quel male che tu non te lo puoi nemmeno immaginare."
Oceano Mare 




permalink | inviato da Freccia il 8/5/2008 alle 20:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
24 marzo 2008
Ho la febbre
Forse un giorno riuscirò a mettere a posto queste mie parole,scritte,pensate e mai dette.Forse un giorno la smetterò con tutte queste bugie sul mondo e sulla gente.Forse un giorno,di sicuro non oggi.Oggi penso a quanto ci si sente soli da innamorati,a quanto vorrei ancora avere fiducia,anche solo nelle stelle;stelle che non vedo,saranno impegnate.Ho chiuso gli occhi alle sei del mattino per due notti e avrei preferito addormentarmi alle 9 come i vecchi e magari non essermi svegliata.Avrei preferito rifiutare di accontentarmi,non avrei dovuto chiudere gli occhi su troppe cose.Oggi avrei meno momenti indimenticabili e stupendi,ma anche meno rabbia e delusione,perchè se è vero che dal letame nascono i fiori è anche vero che un fiore prima o poi appassisce e muore,e intorno resta solo merda.Sono brava a dire bugie,ma non sono migliore,non so essere diversa.E manco voglio esserlo:o tutto o niente,o ricevo tutto o non do niente,soffrendo non potendolo fare.Troppo orgoglio?No,troppa paura,insicurezza e troppo bisogno di continue certezze e rassicurazioni.E' brutto sapere perfettamente come dovrebbe andare e non poter fare niente,è brutto essere stanchi.E' brutto che ogni perdita abbia un valore immenso e lasci vuoti incolmabili.E' brutto essere così mediocre.Massì Giù,non pensarci e manda giù quello che non capisci:l'hai sempre fatto,e ti conosci,continuerai a farlo.



permalink | inviato da Freccia il 24/3/2008 alle 23:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
2 marzo 2008
...
stento a credere che ti rivedrò....ciò che mi rimane dentro sarà l'unica forza che mi porterà a cercarti....in un giorno di pioggia.....



permalink | inviato da Freccia il 2/3/2008 alle 19:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
20 febbraio 2008
il titolo non è obbligatorio
"Stai zitta"
"Non urlare come una pazza"
Più mi dicono di stare zitta e più io urlo.Più guardo in faccia la realtà che mi dice"tu non puoi" più mi vien da stare zitta.
A volte si ha paura di stare troppo bene,a volte per non farsi portar via il bene un'altra volta ci si gira dall'altra parte perchè proprio non ti va di essere razionale,perchè anche se si rivelerà uno sbaglio ora senti che la direzione ostinata e contraria è quella giusta.
Il cielo di notte non è più nero come una volta,ormai è azzurro e stanotte anche la luna sarà coperta.
Il mio cielo a volte è meno nero,è pieno di parole che mi piace ascoltare e che mi mancano quando non le sento.
Sto dimenticando i giorni da dimenticare,so che non durerà questa amnesia,ma mentre aspetto la fine chiudo gli occhi,coperta dalla mia sciarpa azzurra,guardo quant'è bello passare tutte ste notti insonni fregandosene altamente di cosa è giusto e di cosa è sbagliato.

Tanto non esiste nè uno nè l'altro...Tutto quello che crediamo vero non lo è...




permalink | inviato da Freccia il 20/2/2008 alle 19:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
15 febbraio 2008
*
Chiunque,almeno una volta nella vita,si trova sospeso in aria con lo sguardo dritto nel vuoto,a 9-10m da terra.
Non puoi guardarti i piedi per capireb dove stai andando,puoi farti spingere dal vento.
Non puoi permetterti il lusso di guardare per terra:guardare per terra significa cadere quando cammini su un filo,equivale a perdere tutto ciò che ti sei guadagnato durante un cammino incerto o un breve volo.
Soffri di vertigini,ma nessuno lo saprà mai...Che anche tu sei un comune mortale prigioniero della paura e per questo anche tu tremi per l'altezza.



permalink | inviato da Freccia il 15/2/2008 alle 19:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
10 gennaio 2008
Se un gatto nero mi attraversa la strada si tocca i coglioni
I giorni mi hanno colpito di striscio tante volte,e non era vita.
Ora invece la vita arriva pura,è puravita nel bene e nel male.
Anche se ancora troppo spesso non è come credevo,anche se a volte è come l'eroina che non ti ammazza se tagliata male,ma se te la spari troppo pura in un fisico troppo debole.
E si sa,le ricadute ci sono sempre.



permalink | inviato da Freccia il 10/1/2008 alle 22:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
6 gennaio 2008
Il cielo su Torino sembra ridere al tuo fianco
Ci sono quei momenti in cui lo fa davvero e non importa se dentro e fuori è tutto ghiacciato o se la notte non è mai una"buona"notte.
Te lo dimentichi quando stai con chi non fa altro che tenere la testa della gente mentre vomita,quando stai chiusa in una macchina per scaldarti e quasi ti addormenti.
Quello è un momento perfetto,un momento a cui ancora non hai chiesto niente da sacrificare.
Il momento perfetto è anche tornare a fumare quelle sigarette pur essendo la cosa più stronza che puoi fare alla vigilia del diciottesimo intervento.
Un momento perfetto è un ti voglio bene che sai essere uno dei pochi sinceri.
Vivere un momento perfetto ogni tanto non vuol dire che tutto vada bene lo stesso.
No,non sta andando bene un cazzo e tutto per colpa delle scelte distruttive che mi ostino a fare,delle porte che non ho mai le palle di chiudere,ma che mi si chiudono in faccia.
"Tu sei solo più delicata degli altri".
E non vorrei esserlo,non vorrei avere quella parte tanto fragile che ha tanto bisogno degli altri.
Vabbè,parole sprecate.



permalink | inviato da Freccia il 6/1/2008 alle 12:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
3 gennaio 2008
Ma in fondo non è niente...E' la vita...E' la vita soltanto
Possiamo scegliere quello che vogliamo dimenticare?
Il mondo è bello perchè è vario?
Il mondo è bello?
Forse si può dare una risposta positiva a questa domanda...Bsta girarsi dall'altra parte e non guardare quanto è brutto il mondo,quanto il mondo non sia poi così vario dal momento che c'è una cosa che accomuna tutti:la merda che ci portiamo dentro.
La merda del nostro modo di essere,la merda dei nostri errori,la merda dei nostri rapporti interpersonali.
E infine possiamo scegliere cosa dimenticare fingendo di farlo.
Che amarezza però rimanere così da soli sul marciapiede,mi vengono in mente le altre volte...
E non c'è niente più da fare,aspettare un altro treno...
Che stupida sono stata,ma non importa...che t'importa...prendo una birra e un altro pò d'amore se ne va.
Il biglietto per l'inferno che comprai a quanto pare è ancora valido.
Quando finisce il giro?
E' già finito,il treno si è fermato in mezzo alla neve e senza farci caso hai smesso di alzare gli occhi al cielo.
Perchè più nero della mezzanotte non può essere(sta frase andrebbe letta in dialetto come la dice mia nonna).
Più in basso di così si poteva solo scavare,ma tanto prima o poi al fondo si arriva e allora o ci resti...o ci resti.
E mi maledico per questo,anche se per la prima volta nella mia vita non ho rimpianti;non penso"chissà cosa mi sono persa".Mi sono resa conto che non mi sono persa niente.
Però sto bevendo lo stesso acqua e vino per farmi tornare il sorriso.Ci vorranno ancora svariate birre,svariati rum,parecchio dolore,troppe parole...
"Che begl'occhi che hai"...Lo so,grazie,sono grandi,scuri e con le ciglia lunghe tipo bambola.
Sono belli i miei occhi,peccato che siano costretti ad aprirsi su una realtà che non vorrebbero vedere e questo li svuota lentamente ogni giorno di più.
Maporcaputtanachevitadifficileedelcazzo



permalink | inviato da Freccia il 3/1/2008 alle 23:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
1 gennaio 2008
Il 3 dicembre del '39 a stare al mondo volli provar.
Il titolo non centra un cazzo,ma chissene.
E' passato un anno...Così,in un secondo cambia tutto...Anche un calendario.
2008 anno di cambiamenti?
Ma anche no...La vita continuerà a fotterci sempre e sceglierà sempre e solo tutto lei.
Ma fa niente...a stare al mondo volli provar...Nonostante tutto...SEMPRE come mi è stato sussurrato a mezzanotteequarantadue...

Il titolo poi alla fine centra




permalink | inviato da Freccia il 1/1/2008 alle 20:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 27583 volte